Category: Laboratori


Credo che ci voglia più tempo per leggere questo post che per imparare ad usare i nostri proiettori portatili.

Ci sono solo due cose che bisogna assolutamente ricordarsi:

A) che il proiettore caldo non va assolutamente mosso, perché si può spaccare la costosissima lampadina (programmate di spegnerlo 5 minuti prima della campanella, così dopo la campanella mentre raccattate tutte le vostre cose passano ulteriori 5 minuti e in tutto sono 10…)

B) che lo spinotto blu che si infila nella presa blu (si chiama presa WGA)  è tanto tanto delicato:  se si storce uno dei suoi dentini, addio proiettore!

A proposito: la presa WGA è blu e in questa foto del retro del proiettore si vede bene, mentre in basso si vede il grande alloggiamento della presa di alimentazione (il cavo che va alla corrente elettrica)

Dunque le tre operazioni velocissime da fare sono queste:

1) Collegare il proiettore e il computer (cavo con presa blu)

2) Infilare il cavo dell’alimentazione al proiettore e poi alla corrente. Accendere (il tasto d’accensione è giallo ed è posto in alto, ora ve lo mostro)

3) Accendere il computer. Alla fine i due apparecchi collegati sono messi così:

La messa a fuoco e la grandezza dell’immagine proiettata sul muro vanno regolati davanti, facendo ruotare le rotelline che si intravvedono qui (con la “W”):

Per spegnere il proiettore, premete il tasto di accensione due volte.

Perdonate la citazione da Blade Runner (gioiello intramontabile della cinematografia fantascientifica)… E’ che ieri una breve permanenza nel laboratorio informatico della sede centrale ha fornito un interessante “spaccato” delle problematicità d’uso.

Mi sento di rassicurare i colleghi – che a tratti vengono colti da attacchi di rifiuto o di isteria – che nessuno di noi è rincitrullito. Un po’ di confusione è fisiologica, essendo lo strumento nuovo. Meno perdonabili sono le défaillances  delle macchine o dei programmi che le fanno girare.

Per esempio: qualcuno sa spiegarmi perché a tratti a non funzionare è proprio il browser Mozilla, che è quello suggerito da ARGO? A casa mia Chrome funziona perfettamente e mi permette di inserire i voti senza un solo problema, ma ho sentito che Internet Explorer è effettivamente più problematico (bisogna poi vedere cosa succede al momento di stampare…)

A parte questo, qualche computer del laboratorio si è proprio rifiutato di far “girare” ARGO, sputando incomprensibili messaggi d’errore. Pare che non tutti i computer abbiano il software Java aggiornato (per i non informatici: Java è un programmino gratuito e invisibile che ormai quasi tutti i software usano per fare operazioni che a noi sembrano “automatiche”, per saperne di più clicca qui) e che questa mancanza possa interferire con il funzionamento (ma noi non abbiamo da settimane un nuovo tecnico che dovrebbe occuparsi proprio di questo??)

Insomma, quando i programmi sembrano non aprirsi o si bloccano a metà strada, seguite i buoni consigli già suggeriti da Evi in un commento:

  • uscite da ARGO e rientrate;
  • provate a cambiare il browser (se usate Internet Explorer, provate con Mozilla o viceversa, se Chrome non funziona, passate ad altro e così via; ricordo che Chrome e Mozilla Firefox si scaricano gratuitamente dalla rete). Se a casa vostra proprio non c’è verso e non volete installarvi un nuovo programma di navigazione, non vi resta altro che venire a scuola;
  • In ultima istanza, se i problemi sono proprio irrisolvibili, qualcuno in sede di scrutinio potrà pur aiutarvi a inserire qualche voto…

SE NON TROVATE PIU’ i voti che siete sicuri di aver già messo, la soluzione è facile: probabilmente, dopo aver selezionato la vostra classe, nella fase successiva avete scelto la voce sbagliata nel menu a tendina che qui riproduco:

La voce da scegliere è quella evidenziata in azzurro, anche se la tentazione di scegliere “Proposte di voto” è grande! Avevano promesso che avrebbero tolto la voce sbagliata, per non indurre in errore, ma si sa, le buone intenzioni hanno bisogno di tempi rilassati…

Infine, una buona notizia: quando si inseriscono le assenze, non è necessario cancellare lo zero ogni volta per poter inserire il numero giusto. Giocherellando con tastiera e mouse ho scoperto due cose:

  1. che utilizzando le frecce su/giù si può cambiare il numeretto senza perdere tempo a cancellare (divertitevi a tenere premuta la freccia “su”…)
  2. che se avete un mouse con la rotellina, basta far girare la rotellina per cambiare il numero

E non prendetevela mai più con i giocherelloni!!!

Confermato il terzo incontro di formazione sull’uso del laboratorio mobile Apple per giovedì 19 gennaio, dalle 14.30 alle 17.30.

Come concordato con il relatore dott. Morelli (e su suo suggerimento), inizieremo con la simulazione di una lezione in una normale aula scolastica, ripetendo le operazioni fondamentali per “pubblicare” i file ovvero trasmetterli da computer a computer.

In seguito ci verranno mostrati alcuni applicativi che secondo il relatore rappresentano il “valore aggiunto” dei computer Apple (anche sulla base dei corsi di formazione in altri istituti scolastici): la gestione dei video (si pensi alla possibilità di registrare le lezioni, per esempio) e dei file audio.

Vi ricordo alcune cose che NON saranno fatte:

1) trasmissione di video dal PC dell’insegnante a quello degli alunni (impossibile trasmettere files così pesanti a 19 portatili contemporaneamente senza rallentare il sistema in modo insopportabile: per questo c’è l’aula informatica o i proiettori portatili);

2) trattamento testi: su tutti i portatili è già stato installato OpenOffice, che legge i documenti Word senza problemi e permette la creazione di testi;

3) creazione di presentazioni: per lo stesso motivo del punto 2. Nella suite di OpenOffice infatti è già presente l’applicativo che legge/crea/modifica le presentazioni tipo PowerPoint.

Se avete richieste particolari da fare, utilizzate lo spazio dei commenti qui sotto, che non mancherò di controllare nei prossimi giorni. Tutte le richieste utili saranno girate al dott. Morelli prima di giovedì affinché possa preparare la sua lezione.

Rimandato l’aggiornamento Apple

L’appuntamento del 12 gennaio con gli esperti del laboratorio mobile della “Apple” è stato rimandato alla prossima settimana perché il relatore è in malattia. Ho chiesto che venisse mantenuto il giovedì come giornata, ma potrò confermare solo dopo aver sentito l’interessato e verificato con i suoi appuntamenti.
 
Mi rendo conto che la prossima settimana saremo in chiusura quadrimestre e quindi non sarà un momento particolarmente propizio agli aggiornamenti, ma ricordo che poi ci saranno gli scrutini, e a poca distanza la “settimana a classi aperte”. Questa sistemazione è la migliore possibile, a mio parere.
 
Ne approfitto per informare tutti che, d’accordo con il DGSA, abbiamo deciso il laboratorio mobile potrà essere usato da chiunque abbia seguito almeno due incontri di aggiornamento su tre (21 novembre, 7 dicembre e l’incontro della prossima settimana), a partire dal giorno dopo il prossimo incontro.
 
Modalità d’uso: prenotazione presso il tecnico che terrà apposito calendario; firma su modulo a inizio lezione (moduli già predisposti) presso il tecnico e sua controfirma alla fine; quest’ultimo porterà il carrello all’aula e si prenderà cura della consegna (e a fine lezione della restituzione) dei computer portatili; se durante la lezione si fa uso di uno dei proiettori portatili in dotazione alla scuola, ricordarsi di spegnerlo dieci minuti prima del suono della campanella, poiché non può essere spostato fino al raffreddamento della lampadina interna.
 
Se qualcosa non è chiaro, usate lo spazio commenti e volentieri cercherò di precisare.

Il computer della postazione n. 8 continua con il suo fastidioso fischio, nonostante i ripetuti tentativi di metterlo a posto.

Purtroppo c’è la novità dello schermo nero alla postazione 11. Non accendete il computer 11, perché non c’è modo di far rinvenire lo schermo, e poi bisogna spegnere il PC manualmente.

Se per sbaglio qualcuno accende questi due computer, spegneteli manualmente prima di uscire. Meglio non usarli, dunque. Per l’audio invece nessun problema: le postazioni 8 e 11 funzionano normalmente.

Il terzo incontro con i formatori della Macintosh avrà luogo giovedì 12 gennaio, con lo stesso orario (14.30-17.30) e sempre in Centrale, ma probabilmente in altra aula.

Ho già chiesto di ritornare sull’argomento della condivisione di file, ma credo che presenteranno anche altre applicazioni.

Sarebbe utile farmi avere indicazioni su cosa in pratica vorreste fare con le vostre classi e i portatili, in modo da dirigere la formazione verso i nostri bisogni reali.

Una cosa mi è già stata chiarita dall’esperto: non si può usare il laboratorio mobile per trasmettere il medesimo filmato dal portatile dell’insegnante agli altri portatili: il sistema non reggerebbe. Per quel tipo di attività bisogna usare il solito laboratorio in secondo piano e il proiettore, o le LIM. I portatili invece si possono connettere individualmente a Internet.

Agli insegnanti di lingua interesserà sapere che è possibile collegare delle cuffie (le proprie cuffie per l’ascolto degli MP3 – tutti gli studenti ne hanno almeno un paio) al portatile per le attività di ascolto. Ancora da esplorare le possibilità di condivisione (anche i file MP3 sono “pesanti”).

Ricordo a tutti che domani si svolgerà la seconda puntata dell’aggiornamento sul laboratorio mobile della Apple (dalle 14.30 alle 17.30, in aula ancora da definire). Questa volta saremo a scuola (Centrale) e “toccheremo con mano”, visto che i computer portatili sono 20.

Vedremo anche quanto ci vuole a montare e smontare il laboratorio in un contesto realistico (aula, tempi di connessione alla rete, alunni cioè noi…).

Raccomando a tutti di riflettere in anticipo sulle attività che vorremmo fare in classe con i nostri studenti. Sulla base di queste riflessioni, infatti, domani decideremo il contenuto degli incontri a venire.

I portatili della Apple offrono molte applicazioni possibili, non tutte per noi significative, e di conseguenza non vogliamo che gli istruttori passino ore a spiegarci come costruire un album di fotografie personalizzato se la cosa non ci torna utile…

Ricevo questo articolato commento da Evi Batagelj e lo ri-posto qui, dove è più visibile, perché mi sembra importante.

La mancanza di Internet in succ è sicuramente grave, ma temporaneo. Il problema è la durata di questa temporaneità.
Distinguiamo:
1 – la mancanza del laboratorio (server compreso, quindi anche con diramazioni di postazioni extra laboratorio) è legata alla porta blindata sbagliata, che a settembre è stata ri-ordinata, speriamo con le misure giuste, stavolta! Ovviamente, finché i lavori non sono finiti non si possono riportare alla luce tutte le apparecchiature che sono state protette dalla polvere, dannosissima.
Noi cittadini, prima ancora che insegn, ci chiediamo: chi paga per questi errori? Oltre alle ditte non c’è un direttore dei lavori? Forse sarebbe ora di fare una lettera che la DS inoltri alla Provincia per far capire che non è indifferente che una scuola abbia un lab inf o meno. Domani cerco di sapere dalla DS a che punto siamo.
2 – l’assenza delle prese di corrente in sala docenti dipende dalla sua posizione, fuori da porte tagliafuoco. E’ un fatto voluto, sembra, una misura di sicurezza. Non mi è chiarissimo, ma non conosco la normativa, che sappiamo non essere sempre rispondente alle esigenze, ma nel caso di luoghi pubblici, cogente. Bisognerebbe approfondire con Vidoni.
Il problema comunque sarà risolto non appena termineranno i lavori al pianterenno e si potrà adibire a lab inf docenti una delle stanzette a sinistra entrando (parte opposta alla sala ins), con  PC e stampante a disposizione.
3 – PC portatili esistono, nuovi: Marcello deve configurarli, non ne ha avuto ancora il tempo. Né ne ha alcun obbligo, non rientra nelle sue mansioni. Chissà se va in porto il progetto della Regione che ci consentirebbe di  avere un  assistente tecnico precario? E se si tratta di uno competente o, come anni fa, di una simpatica ottica ma non espertissima in informatica, fortunatamente entrata in maternità e sostituita da uno giusto? Dipende dalle graduatorie.
3 – C’è comunque in succ un PC (senza Internet in qs mom) ed anche un proiettore. Sul proiettore mobile andrebbero però date istruzioni: vietato spostarlo appena spento, ad es, perchè si rischiano danni alla lampadina, che è la componente più preziosa. Va raffreddato almeno qualche minuto, prima. Analogamente, bisogna sapere che se si spegne per qualche minuto (finché non si è raffreddato) non è possibile riaccenderlo. Quando resta fermo, dunque, meglio lasciarlo sempre acceso (a meno che non serva per poco a distanza di tempo).
Direi che sull’uso di qs strumenti mobili andrebbe fatta mezz’ora di “comunicazione” (= addestramento) per chi vuole usarli. Aspettavamo sempre di poter fare tutto insieme al lab Open Source, dati i molti nuovi colleghi, ma a questo punto forse bisognerebbe procedere almeno a questo.
Come amministratore del lab succursale sono al momento disoccupata, ma mi vien male pensare al lavoro che ci sarà da fare quando il lab sarà ripristinato: al di là del riaggiornare tutto, per fare gli accessi alla rete interna, con quel sistema, ci vuole un quarto d’ora ad account; è un procedimento manuale molto complicato, pieno di permessi o di divieti da dare manualmente spuntando caselline in cartelle, sottocartelle, e si rischia spesso di sbagliare e di dover fare tutto di nuovo. Non sarà quindi una cosa immediata, dovrete avere pazienza.
Scusatemi per l’esternazione di quest’ultima ansia. Spero che il resto possa aver non certo tranquillizzato, ma almeno spiegato le cause di tante carenze.
Buon lavoro a tutti, evi

Finalmente sono riuscita a trovare alcune date che andassero bene sia a noi che ai formatori del negozio della Apple (Via Donota 4, subito prima della salita dietro il teatro romano, a sinistra). Ci aspettano da loro lunedì prossimo, il 21 novembre, alle 14.45. Ho spiegato che qualcuno di noi finisce alle 14.00 e magari avrebbe piacere ad addentare un panino prima di ricominciare a concentrarsi, e mi hanno promesso che saranno flessibili…

Se come me avete sempre guardato i computer della Apple con curiosità ma non ve li potevate permettere, non mancate quest’aggiornamento!  I comuni mortali se lo devono pagare.

Il secondo incontro avrà luogo al Petrarca (Centrale) mercoledì 7 dicembre, dalle 14.30 alle 17.30. Sarà un po’ più lungo perché dobbiamo provare i tempi reali che ci vogliono per spostare il laboratorio, montarlo e smontarlo. Vogliamo tutti imparare a farlo presto e bene, perché il tempo-lezione è già scarso. Sarà poi importantissimo discutere tutti insieme COSA vogliamo veramente fare in classe con il laboratorio: è inutile che gli esperti ci parlino per ore di come si montano filmati e file musicali se poi non lo farà nessuno. Il vostro contributo dunque è essenziale.

L’analisi dei nostri bisogni reali servirà per organizzare i due incontri successivi (presumibilmente in gennaio, ma decideremo insieme).